OPEN SPACE

Cernusco sul Naviglio, Maggio 2016

Per il terzo anno consecutivo da quando sono Assessore del Comune di Cernusco sul Naviglio, aggiorno questo post rendendo conto in maniera pubblica e trasparente di quanto di competenza per l’anno precedente: sono sempre stato convinto che la virtuosità richiesta ad ogni singolo cittadino debba essere prima di tutto testimoniata da chi ricopre incarichi pubblici. Ai sensi del regolamento comunale in materia, insieme agli amministratori e ai consiglieri comunali di Cernusco sul Naviglio aggiorno annualmente la mia situazione reddituale e patrimoniale anche attraverso la compilazione di una scheda poi pubblicata sul sito del comune. Mi piace però l’idea che le stesse informazioni possano essere raggiunte anche qui.

REDDITI DA LAVORO 2015

Il reddito lordo percepito nell’anno 2015 da Eurosport Spa (azienda privata presso cui lavoro da 16 anni) come dipendente a tempo indeterminato è stato pari a 108.659,49 euro (era 100.200,98 euro nel 2014 e 100.709,45 euro nel 2013), comprensivi della parte variabile connessa al mio contratto di lavoro.

INDENNITA’ DI CARICA E VARIE 2015

L’indennità di carica lorda che ricevo come Assessore del Comune di Cernusco sul Naviglio è stata invece pari a 8.828,88 euro euro lordi annui (invariata sia rispetto al 2014, sia al 2013)Questa indennità è la metà di quanto indicato per legge perché ho mantenuto il mio lavoro dipendente di cui sopra; l’indennità di carica è cumulata con il mio reddito da lavoro dipendente e concorre alla formazione del mio reddito imponibile in sede di dichiarazione per procedere poi alla relativa tassazione. In rispetto allo statuto del PD di cui faccio parte, il 10% del compenso netto annuo è devoluto al PD Cernusco.

Attualmente (anno 2016), l'indennità mensile che ricevo per il mio ruolo di Assessore è dunque pari a 735,74 euro lordi (556,65 euro netti), invariata rispetto ai due anni precedenti.

Anche per il 2015 – come sempre fatto negli anni precedenti - non ho mai richiesto rimborsi chilometrici per impegni istituzionali o rimborsi per spese di rappresentanza, che sono dunque pari a zero per il Comune.

Ho ricevuto un cellulare di servizio per le chiamate inerenti al mio ruolo di amministratore comunale ma ho scelto di mantenerlo costantemente spento e di girare le chiamate in entrata sul mio numero privato, non usandolo mai con telefonate o messaggi in uscita.

Presso la sede comunale mi è stato riservato un ufficio: è predisposta una postazione computer e un collegamento mail/internet. Il computer che mi è stato dato in dotazione nel Luglio 2010 è portatile, ma preferibilmente lo uso in maniera itinerante solo all’interno del Comune. Se devo lavorare la sera a casa preferisco caricare i documenti su una chiave usb e usare il mio computer personale. Ovviamente è chiaro come già l’indennità di carica debba rimborsarmi della parte di utenze casalinghe utilizzate per questo impegno.

Ho la possibilità di entrare in auto nell’isola pedonale per poter utilizzare il parcheggio gratuito all’interno del perimetro della villa comunale. Benché il permesso si riferisca alla mia “carica istituzionale” e quindi potrei accreditare più veicoli, ho preferito indicare solo la targa della mia auto e lo scooter intestato a mia moglie che ho in uso, escludendo - per evitare fraintendimenti - l'auto di moglie. Uso questo parcheggio solo per spostamenti inerenti a impegni istituzionali.

PROPRIETA’ DI BENI IMMOBILI E MOBILI 2015

Nell'anno 2015 sono stato proprietario al 100% di un appartamento (abitazione principale) a Cernusco sul Naviglio nel quale vivo con la mia famiglia e di 3 box: uno registrato come pertinenza dell’abitazione principale, due a disposizione per uso personale. 

Dalla ditta privata presso cui lavoro ho avuto a disposizione un'auto aziendale modello Audi A3 immatricolata nel 2013; non sono proprietario di altre auto e non posseggo né aerei, né barche, né cavalli da corsa. Come scrivevo sopra, ho in uso anche uno scooter modello Honda SH 125, intestato a mia moglie.

Infine, le proprietà azionarie (il valore è aggiornato a Maggio 2016):
500 azioni Juventus Fc Ord pari a 132,45 euro;
50 azioni Banca Pop Milano pari a 27,40 euro.

Nessun commento: